Vasco Rossi

Autore: S. Bertuzzo (AGI) 

Vasco Rossi dal Calendario Grafologico 2013: Stars giù la maschera

Vasco Rossi nato a Zocca (Modena) il 7 febbraio 1952,
La grafia procede con vivacità e pontaneità, talora con accentuato ascendente, talora con una tenuta del rigo piuttosto approssimativa ed un disuguale prevalentemente non metodico che esprime immaginazione vivace ed esuberante, estro e genialità con prevalenza di intuizione e sentimento.

Possono insorgere impulsi istintivi che giungono a determinare un' azione ricca di trovate originali anche in un contesto di tumulto interiore. Le vistose intozzate di 2° modo rivelano una particolare vibratilità. Il calibro è variabile: si passa da un calibro alto in contesto tranquillo e controllato ad un calibro medio ad uno piccolo.
I vari campioni di scrittura sono diversi tra loro.

Elemento costante è la velocità e la slanciatezza dello scritto con buone larghezze di lettere e tra lettere. Anche il largo tra parole è equilibrato ma ciò che guida l'azione del nostro autore è il costante bisogno di evadere dalla mediocrità alla ricerca di conoscere e scoprire (ascendente) con immediatezza che può a volte diventare precipitazione e impulsività (attaccata dinamica).

Il disuguale non metodico esprime anche una certa tendenza alla ribellione a norme e regole di vita.
Il gettata via con dinamica esprime una forza d'urto che aggredisce gli ostacoli fino alla tenerità, che può portare ad imprudenze e passionalità (largo tra lettere eccessivo), ma anche a disponibilità verso gli altri e generosità.

Evidente lo scattante, particolare segno degli spiriti musicali, ma anche di istintività delle risposte repentine, oltre che di originalità personale di pensieri e di sentimenti.
Ecco dunque un temperamento vivace ed estemporaneo che ha fatto di originalità e irruenza il suo motivo di vita.
 

File allegati

Categorie correlate