Maria Montessori

Autore: A. Ortiz (Buenos Aires)

Maria Montessori dal Calendario Grafologico, 2011: Fratelli D’Italia.

Maria Montessori: educatrice, medico, psichiatra, filosofa, psicologa, devota cattolica, femminista ed umanista, è la prima donna laureata alla Scuola di Medicina dell'Università di Roma (1896). I ragazzi di cui si è presa cura erano senza genitori, senza amore, senza speranza. La sua grande sensibilità per i suoi "poveri ragazzi" la portò nuovamente all'università a studiare Psicologia, Filosofia ed Antropologia (1904).
La scrittura della Montessori ci permette di capire la personalità di una donna di grandi capacità associative, con velocità di attenzione, astrazione, assimilazione e concentrazione, effettua con prontezza nessi logici (Rapida, Piccola, Parca, Legata). Non si lascia distrarre da particolari secondari, ha una visione proattiva (Pendente) che consente di organizzare le azioni finalizzandole al raggiungimento degli obiettivi (Parta, Rapida, Chiara, Organizzata e Radicata).
Da una parte si sottopone costantemente all'automonitoraggio, a forte autocritica, (Piccola, Accurata); secondo il professor Jaime Tutusaus Lovez: "adotta un profilo basso per evitare punizioni". Dall'altra vuole evitare la mediocrità e superare i conflitti, con il padre in particolare (forse non può dimenticare che il padre voleva che lei diventasse un'insegnante, non un medico).
L'alto livello espressivo formale (Antimodello estetico), il ductus accurato ma spontaneo, informale, l'ampio interrigo, i ricci della spavalderia rivelano l'attitudine a trasformare la realtà che la circonda con modalità creative, autonomia di pensiero, forte senso di indipendenza e spirito di autoaffermazione.
La sua ostinazione (Occhielli angolosi in alto) unitamente al suo senso pratico, realizzativo (Radicata) hanno aperto la strada per l'inserimento della figura femminile nel mondo del lavoro in funzioni direttive, in tempi in cui ciò era pressoché impossibile.
 

File allegati

Categorie correlate