Federico Fellini & Giulietta Masina

Autore: E.Manetti (Arigraf)

Federico Fellini & Giulietta Masina dal Calendario Grafologico 2008: Coppie Famose.

Il geniale regista riminese è stato anche disegnatore, scrittore e sceneggiatore: la sua produzione e la sua vita sembrano essere state condotte all'insegna della fantasia, della mancanza di un preciso progetto.

Venuto a Roma incontra nel 1942 Giulietta Masina. Giulietta è semplice, candida e forte, è laureata in lettere ma ha la passione del teatro e della recitazione. I due si sposano l'anno successivo. E' un'unione che sarà profonda e costante sia nella vita, nonostante i numerosi tradimenti di lui, che nell'arte. Di Federico spesso Giulietta diceva "è il mio uomo ideale, a me è capitata la fortuna di sposare il mio principe azzurro".

La scrittura di Fellini è piccola fino a destrutturarsi e a divenire illeggibile, quasi volatile e sfuggente, la forma è espressiva e non segue nessun modello, lo spazio è occupato con libertà e originalità, il bianco è importante tra parole, tra lettere e tra righe: emerge una personalità vibrante, imprevedibile e imprendibile, estremamente reattiva e mobile dal punto di vista intellettuale, che vive più autenticamente in un suo mondo di fantasia e di sogno, che nella realtà. La comunicazione è fatta più da immagini che da parole. Dal punto di vista junghiano la scrittura di Fellini registra capacità straordinaria di intuito e creatività. Il mondo dell'infanzia mai dimenticato e stimolo della sua produzione artistica, è presente nella messa in pagina divertente e completamente anticonvenzionale e nelle righe "a ventaglio" tipiche dei bambini delle prime classi.

La scrittura di Giuletta è stabile sul rigo, allargata, pastosa, curva, completamente diversa e complementare a quella del marito: è una donna stabile, affettuosa e concreta. Dal punto di vista junghiano prevale il sentimento. Tanto lui è sfuggente e imprevedibile, tanto lei è affettiva e offre certezze. Lo spazio compatto, in cui prevale il neo, i trattini delle t, sopraelevati e lanciati, ci parlano di capacità di concentrazione e fermezza nei propositi. Il modello ancora un pò adolescenziale (M maiuscolo ad arco, occhielli delle I gonfi) ci registra che anche in lei è ancora vivo, presente e stimolante il mondo dell'infanzia e della prima giovinezza, che condivide con il suo uomo.
 

Categorie correlate