Le nuove famiglie: riflessioni pedagogiche, giuridiche, grafologiche e peritali

Le nuove famiglie: riflessioni pedagogiche, giuridiche, grafologiche e peritali L'evento si svolgerà online (modalità webinar).

Il mito della famiglia nucleare composta da mamma, papà e figli è solo una delle possibili forme di famiglia: la famiglia attuale ha assunto una maggiore complessità, differenziazione e frammentazione e ha trame assai differenti che vanno dalla famiglia monogenitoriale, composta da un solo genitore e da almeno un figlio, dovuta quasi sempre alla separazione dei genitori, ma anche a scelta volontaria, soprattutto femminile, alle famiglie di fatto, che rifiutano il matrimonio per i motivi più vari, ideologici o  economici, fino  alle  famiglie composte da due mamme o due papà, fenomeno in aumento. In Italia, infatti, sono più di centomila i bambini nati all’interno di una famiglia omogenitoriale. E il dato cresce in maniera esponenziale.

Nella realtà attuale il modello familiare sempre più frequente sembra essere però quello di due nuclei familiari uniti in un’unica e grande famiglia allargata. Secondo l’Istat sono circa mezzo milione le famiglie allargate in Italia, intendendo con questo termine coppie in cui almeno uno dei due partner ha alle spalle un precedente matrimonio o una separazione.

Ma sono frequenti anche famiglie divise dai divorzi, ma non ricostituite che, per i bambini, diventano due microcosmi paralleli nei quali vivere due vite diverse: una a casa di mamma e una a casa di papà. Bisogna dunque considerare la nuova famiglia come una costruzione sociale, che cambia e si trasforma in base alle dinamiche delle persone, ai mutamenti economici e giuridici, allo stile di vita che viene instaurato nei rapporti all’interno della coppia e all’esterno, verso i figli e il mondo.

Questa estrema complessità ha provocato complicate valenze in termini psicologici, pedagogici, giuridici, grafologici e peritali. Il seminario prende in considerazione tre campi di indagine:
- Le dinamiche coppie genitoriali-figli attraverso l’espressione della scrittura
- I segnali grafici di sofferenza o di adattamento nei bambini e negli adolescenti
- I problemi giuridico-peritali riferiti a dinamiche familiari (testamenti contestati da figli, figliastri o nipoti, somiglianze grafiche tra consanguinei, separazioni, divorzi, affidamento dei figli ecc.)

Parteciperanno come relatori oltre a grafologi esperti del settore e periti, anche medici, psicoterapeuti, pedagogisti avvocati e mediatori familiari.

Contributo per la partecipazione al seminario: 45,00 € [35,00 € per soci A.G.P. e A.G.I. e per gli iscritti alle scuole/associazioni afferenti all’A.G.P.]

INFO ED ISCRIZIONI: vedi recapiti organizzatore oppure dr.ssa Elena Manetti (347.88.116.26 - elenamanetti@hotmail.com)

Modalità di pagamento: c/c bancario Unicredit Banca fil. 3305-Bologna Iban IT51W 02008 02455 000002811367 È necessario inviare alla segreteria A.G.P. la copia dell’avvenuto pagamento entro il 15 novembre.

Evento Formativo Accreditato: A.G.P. (n. 8 crediti) -  A.G.I.(Richiesta in corso) 

Verrà rilasciato un attestato di partecipazione

Vedi programma e docenti in allegato.