Laura Pausini: una delle cantanti italiane più famose a livello internazionale.

A cura di: Fabrizio Tisba

Laura Pausini: una delle cantanti italiane più famose a livello internazionale. Laura Pausini nasce a Faenza il 16 Maggio 1974, la sua passione per la musica viene eredita dal padre cantante di pianobar. Inizia la sua carriera quasi bambina seguendolo nelle sue serate nei locali della riviera romagnola, crescendo immersa nella musica, sviluppa subito una grande passione per il canto, che la porterà ad avere un enorme estensione vocale ed un timbro potente per cui è molto apprezzata nel mondo.
Il successo inizia nel 1993 quando Laura giovanissima arriva sul podio a Sanremo nella sezione “Novità” con il brano “La Solitudine”. Le tematiche degli album di Laura Pausini sono cresciute insieme a lei: da quelle adolescenziali dei primi dischi a quelle sociali di donna adulta, più vicine alla donna che è poi diventata. Nel giro di pochi anni raggiunge  il mercato discografico internazionale in numerosi paesi dell’Europa, dell’America del Nord e Latina, e non ultimo in quello Asiatico, incide brani nelle varie lingue, portoghese, inglese, spagnolo, francese. Collabora e duetta tra l’altro con i più importanti artisti mondiali, citandone solo alcuni, vista la lunga lista: Madonna, Phil Collins, Miguel Bosè, Marc Anthony, Michael Bublè, Luciano Pavarotti, Gente de Zona… Non mancano i numerosi premi, venendo nominata agli Emmy Awards, al Premio Oscar, ai David di Donatello e vincendo 4 Latin Grammy, Con più di 70 milioni di dischi venduti nel mondo e tour da record, rappresenta sicuramente un eccellenza italiana nel mondo.

Dal punto di vista grafologico le sue scritture ci mostrano una donna che dà importanza al sentimento e all’affettività esteriorizzata, come si può ascoltare anche dai testi di molte sue canzoni (curva e orale).Sempre alla ricerca di uno stile personale, con desiderio di affrancarsi dalle regole e affermare la propria originalità, utilizzando immaginazione, sogni, fantasia, inoltre, sempre con la necessità di organizzarsi ottimamente per ben interagire con l’ambiente ( ritrosa, gonfia, saltellante, prolungata in alto, ordinata).
Ha un tipo di intelligenza prettamente creativa, che si riscontra spesso negli artisti musicali, riconoscibile facilmente dal continuo movimento, forme personalizzate, disuguaglianze. Colpisce la firma posta al centro con ampollosità, indice di vitalità e spinta affermativa, estroversione, bisogno di ampio spazio per continuare la sua strada e la tendenza costruttiva per voler raggiungere risultati di successo.
Inoltre, il desiderio di crescere sempre più professionalmente, di migliorare la propria performance anche per ottenere riconoscimenti che sente di meritare (sopraelevazioni, maiuscole ampie e sopraelevate, firma ascendente e grande).

In un intervista dichiara: “di carattere mi annoio, ho bisogno di sapere che non è finita, sennò non so più neanche cosa scrivere” per questo è sempre impegnata alla ricerca di  nuove sfide nel campo musicale ed ultimamente anche in quello della moda, stimolata da una forte energia vitale, motivazionale. Ambiziosa e dinamica spontaneamente (grande, sopraelevata, firma affermata, orale con movimento accentuato). Le sue sfide vengono cercate anche per un forte bisogno di riconoscimento e il desiderio di essere considerata di più, forse come una possibile compensazione di una mancanza di autostima o di un insicurezza (sopraelevazioni, firma grande, lettere addossate).

Sa lavorare molto bene in squadra condividendo le proprie idee e convinzioni, ha una capacità di valutazione costruttiva dal punto di vista altrui, che viene condivisa e integrata nell’obiettivo comune, punto che viene sfruttato nella preparazione quasi maniacale dei suoi concerti, utilizzando, inoltre, il pregio di saper semplificare le cose per  andare con decisione al concreto di esse (chiara, ordinata, arrotondata, zona media bel strutturata ma non rigida, nutrita, assenza attacchi iniziali). Nei concerti esce fuori quella parte di lei, semplice e spontanea, ma con la tendenza a porsi al centro dell’attenzione, ad assumere il ruolo di protagonista, con atteggiamenti di esibizionismo ed egocentrismo e liberando tutti i suoi freni inibitori (chiara, firma grande, gonfia, ornata).

Divenuta una popstar, non ha mai perso la genuinità spesso ostentata, come antidoto al grande successo, che si sà, rischia di corrompere l’originale purezza. Intransigente verso se stessa, difficilmente accetta le critiche altrui, e tutti questi atteggiamenti egocentrici di alcune situazioni, vengono esternati anche per difendere la sua sfera privata,( firma gonfia, lacci, intricata, ovali chiusi, rovesciata).Ha questa voglia di voler piacere, senso di sé, seduttività, con modi accattivanti, e savoir faire.

Vive con uno spirito sempre giovanile, quasi fosse ancora quella ragazzina che partecipò  a Sanremo nel 1993, ( e che ha fatto tanta strada in questi anni), infatti l’ansia, la paura,e lo stesso modo di gioire e rimasto come allora, anzi, questo spirito giovanile mette in risalto il candore, la curiosità e quella voglia di scoprire, che i suoi tantissimi follower apprezzano molto di lei (iniziali grandi, ornata, lacci, lettere addossate, sospesa).

In conclusione di questo ritratto grafologico, vorrei solo rimarcare, le caratteristiche più evidenti che ci trasmettono la sua scrittura. Una personalità prorompente, ricca di fantasia, genuina ma con ansie, desiderosa di esibirsi, mettersi in gioco, comunicare e condividere le sue emozioni  con i suoi fans, sentendo il palco come il suo habitat naturale ed esprimendo il suo amore per la musica (grande, ampi gesti, maiuscole importanti, lettere addossate).

Sitografia: wikipedia e wikiquote Laura Pausini
foto prese da web: https://laura4u.aboama.com/it/ - optimagazine.com - Viareggino.it