Selezione del personale: vince sempre la grafologia

Autore: Marilena Cremaschini

Selezione del personale: vince sempre la grafologia Personale in azienda: tra i test psicologici vince sempre la grafologia
  L’assunzione del personale in azienda e la sua collocazione adeguata all’interno di essa, sia da solo che operante in equipe, perché possa esprimere al meglio le sue potenzialità, sono tra le esigenze che più interessano e stanno a cuore a tutti gli imprenditori, dirigenti e titolari d’impresa.
Ormai è ovvio, i dati statistici lo confermano così come i fatti e le aspettative disattese dei titolari, il colloquio seguito da un curriculum vitae non basta più, perché si sa che i titoli accademici, quando richiesti, non fanno del lavoratore l’uomo adatto per un determinato posto o posizione lavorativa.
Direi che ampiamente superati sono persino i test psicologici a cui vengono sottoposti i candidati per attestarne qualità e potenzialità, proprio per l’alto tasso di fallibilità dei test stessi, il loro costo esuberante e l’impiego di tempo per poterli eseguire su ogni candidato che incide non poco sulla perdita di valore che intanto l’impresa in cerca di un dipendente particolare patisce.
Così alla fine si è cercato di risolvere gli onerosi sistemi costosi e troppo impegnativi, sia in termini di tempo che di energie, applicando test psicologici sempre più veloci ma sempre meno efficaci, validi ed attendibili.
Eppure se sapessero tali imprenditori che basterebbe avere una grafologa a disposizione durante la selezione stessa del personale per risolvere tutti i problemi forse capirebbero quando tempo hanno perso o sprecato sino ad ora per cercare l’elisir magico per selezionare il candidato giusto.


Categorie correlate

Per ricevere l'email degli aggiornamenti dei contenuti dell'autore.