Lo Scarabocchio

Autore: Dott.ssa Anna Zaccaria

Lo Scarabocchio La prima forma di espressione nei bambini Già dallo scarabocchio possiamo cominciare  vedere la personalità del bambino, i segni che il bambino traccia sul foglio ci indicherenno, attraverso la pressione, la direzione e la collocazione, tantissime notizie su come sta il bambino, sulle tappe dello sviluppo cognitivo. il bambino con lo scarabocchio, spesso cerca di imitare la scrittura, infatti viene considerato la prima forma di grafia infantile, ed la tempo stesso una proiezione della personalità profonda. 

Secondo Quaglia lo scarabocchio è un immagine emotiva di sè, identità che attraverso lo scarabocchio si esprime, secondo lui è un grafismo che precede la comunicazione sociale, secondo Korman è un test d'interpretazione della personalità profonda. il bambino inizia da un pre-scarabocchio, sono gesti incontollati impulsivi, il passo successivo è quello di passare a gesti circolari, (caratteredolce - entusiasta) righe che formano angoli volti verso l'alto ci indicano invece agressività, energia. 
Anche la collocazione nel foglio ci dà delle  indicazioni; in genere i piccoli iniziano a scarabocchiare dal centro del foglio per poi espandersi gradualmente fino a raggiungere tutti i lati del foglio, restare al centro è sintomo di egocentrismo, sanno già che il mondo che li circonda (genitori e parenti) gira intorno a loro.

IMPIEGO DELLO SPAZIO Gli scarabocchi ampi che ricoprono l'intero foglio = desiderio di socievolezza, bisogno di agire e muoversi fiducia in se stessi buona immagine di sè.
Gli scarabocchi poco ampi = timidezza incertezza immaturità
FORZA E FORMA DEL TRACCIATO  un tratto spesso emarcato esprime dinamismo forte capacità d'azione
un ratto leggero è tipico di persone con una volontà d'azione
linee rette rappresentano il  maschile 
linee curve il femminilità

 


Categorie correlate