Le scritture tormentate

Autore: Barbara Taglioni

Le scritture tormentate La scrittura tormentata, secondo la Scuola Francese, è una Specie del genere Forma. La descrizione di tale grafia dice che si tratta di un tracciato con forti disuguaglianze in Dimensione e in Direzione, scatti, arresti repentini, sospensioni, ritocchi, torsioni, ritorni, gesti regressivi.

Il movimento risulta spasmodico, inibito e sofferente, a volte con qualche vibrazione. La personalità che troviamo dietro a questo tipo di gesto grafico è certamente complessa, inquieta,  con forti conflitti, che generano ansia, un carattere vivace ma altrettanto sofferente, con difficoltà di adattamento all'ambiente e al prossimo.

È tuttavia possibile che queste personalità trovino, anche se faticosamente, un loro equilibrio creativo in cui la loro intelligenza vibrante e la loro profondità di pensiero vengano arricchite proprio dal continuo travaglio interiore.

La loro esistenza sarà comunque sempre inquieta e permeata da un sentimento di insoddisfazione.

Riportiamo alcuni esempi di queste grafie di personaggi noti che ci fanno meglio comprendere quanto affermato.

La scrittura di Vittorio Sgarbi rispecchia perfettamente le caratteristiche, mostra tutto il suo tormento e la sua agitazione (scarsamente armonica, marcatamente disuguale, invadente, intricata). Anche occhi poco esperti possono cogliere l'irrequietezza del gesto e la nitidezza di un tratto che non vuole intimamente concedersi (tratto nitido e diritto, gesti regressivi). La forma priva di curve e di morbidezze rivela un carattere sempre in attacco, proteso verso una sfida senza soste, che non da né tregua né pace.

Anche la grafia di Beethoven non lascia dubbi sullo stato di grande agitazione dello scrivente: un’aritmia persistente,  righe ondeggianti e prevalentemente ascendenti,  frequenti forme tremolanti, cambi di direzione improvvisi, aggiunte e le correzioni supplementari.

Osserviamo infine la scrittura di Cristoforo Colombo che colpisce per una vivacità e un ritmo sorprendenti appartenenti a un soggetto con un temperamento reattivo, teso, passionale e deciso, introverso e imprevedibile, fragile e inarrestabile proiettato nella sfida con il mondo, ma ancor prima nel conflitto con se stesso.

Categorie correlate