Il processo di vittimizzazione della donna vittima di violenze e abusi

Autore: Marilena Cremaschini

Il processo di vittimizzazione della donna vittima di violenze e abusi Come e perché si crea una vittima di violenza?

È la domanda più ovvia e la prima a cui spesso di pensa quando si sentono notizie che riguardano la violenza della donna subita in una relazione o in una famiglia.

Come mai non si ribella? Come mai non se ne va? Come mai non lascia quell’uomo?

Sono tutte domande legittime di chi non vive una situazione di abuso che con tutta probabilità si trascina da altri vissuti addirittura precedenti alla famiglia che ha generato la vittima ed il persecutore.

Si chiama trasmissione transgenerazionale della violenza, già descritta nel mio articolo di cui al link, ora qui invece vorrei raccontarvi come si forma il processo di vittimizzazione, quella condizione ambientale, sociale, famigliare che porta la donna ad essere una predestinata della violenza.

Quello che segue è un estratto del ibro “La violenza contro le donne (vedi in calce nei contenuti correlati).
 


Categorie correlate

Per ricevere l'email degli aggiornamenti dei contenuti dell'autore.