Gesto grafico e gesto estremo

Autore: Barbara Taglioni

Gesto grafico  e gesto estremo Alcuni mesi orsono è stato pubblicato un libro dal titolo "Non fate troppi pettegolezzi - la mia dipendenza dalla scrittura" (liberAria Editrice).
 
L'autore Demetrio Paolin tratta il tema della dipendenza, in questo caso dall'azione dello scrivere, indagando su quattro grandi della penna, Emilio Salgari, Cesare Pavese, Primo Levi e Franco Lucentini accomunati anche da un altro fatto nella loro esistenza: il suicidio.
 
Questa lettura ha riportato la nostra attenzione su un argomento che la grafologia ha più volte trattato e cioè se esiste nella grafia un segno, una traccia, un movimento, una forma che possa anticipare una tale intenzione. I grafologi possono attraverso un'analisi giungere a conclusioni che possano essere d'aiuto ad altre figure professionali nell'individuare intenzioni così estreme da parte di un essere umano?
 
 

Categorie correlate