Disgrafia o Iperattività

Autore: Marilena Cremaschini

Disgrafia o Iperattività Vi sono determinate scritture di alunni che possono ingannare su quale sia realmente il problema clinico del soggetto o perlomeno quello prevalente e che richiede precedenza e prevalente attenzione.
Capita che durante la scuola primaria o secondaria (se il problema viene sottovalutato o sottostimato sino al grado scolastico successivo) così il bambino o preadolescente si ritrova con una diagnosi di disgrafia, come capita spesso, comunque deficit presente ma in maniera molto lieve, e non si percepisce invece il deficit della sindrome dell’Attenzione e dell’Iperattività, più invalidante e dominante rispetto al primo.


Categorie correlate

Per ricevere l'email degli aggiornamenti dei contenuti dell'autore.