Laboratorio su casi peritali

21/10/2017 dalle 10:00 al 09/12/2017 alle 13:00 14/10/2017

Laboratorio su casi peritali LABORATORIO SU CASI PERITALI
3 incontri di 3 ore ciascuno (€ 100)
a cura di Raffaele CASELLI
 
PRIMO INCONTRO: sabato 21 ottobre 2017 ore 10 – 13
 
Esame preliminare dei documenti
Con il giuramento il CTU/PERITO viene investito ufficialmente di un incarico: gli viene assegnato il quesito e gli  vengono indicati gli strumenti necessari per poter onorare il suo incarico.
Il tempo che intercorre tra la data del giuramento e la data di inizio delle operazioni peritali è un periodo utilissimo per organizzare al meglio il lavoro e per acquisire molte informazioni utili per il corretto svolgimento del delicato incarico ricevuto.
Verranno esaminate tutte le fasi che precedono l’inizio vero e proprio del lavoro peritale e verranno suggerite le azioni che è possibile intraprendere in questa fase preliminare dell’incarico, anche con la presentazione di casi reali.
  
SECONDO INCONTRO: sabato 11 novembre 2017 ore 10 – 13
 
Procedure peritali
Nella data di inizio delle operazioni peritali la Consulenza Tecnica/ Perizia entra nella sua fase operativa.
Il CTU/Perito condivide con le parti una serie di operazioni che vanno dalla verifica delle comparative da utilizzare, dalla acquisizione di una eventuale saggio grafico alla scelta degli esami tecnici da effettuare.
L’efficacia di una Consulenza tecnica spesso dipende da questa fase di acquisizione del materiale e dalla scelta degli esami tecnici che vanno effettuati alla presenza delle parti e di quelli che è possibile effettuare senza la loro presenza.
 Verranno fornite indicazioni sulla strumentazione necessaria per questo tipo di indagine, sulle modalità di acquisizione delle immagini e sulla opportunità di condividere con le parti le immagini acquisite con strumentazione dedicata, utilizzando casi reali.
 
TERZO INCONTRO: sabato 09 dicembre 2017 ore 10 – 13
 
La relazione tecnica
La relazione tecnica è il mezzo attraverso il quale il CTU/Perito fornisce al Giudice i risultati della sua indagine.
L’indicazione precisa e dettagliata dei documenti esaminati, la modalità di acquisizione del materiale, gli esami tecnici effettuati sui documenti disponibili, i risultati di tali esami ed i limiti della loro attendibilità, la metodologia utilizzata per l’esame ed il confronto delle caratteristiche grafiche, la corretta documentazione per rendere visibili le caratteristiche grafiche descritte, la corretta valutazione delle informazioni emerse dai confronti ed il processo logico che conduce verso la risposta al quesito, fanno parte integrante della relazione tecnica.
Obiettività, coerenza, completezza di informazioni, semplicità espositiva, efficacia dimostrativa devono essere sempre alla base di ogni relazione “per far conoscere al Giudice la verità”.
 


Luoghi

  • - Largo Giacomo Leopardi, 12 - 00184 Roma
    06.48.155.74 333 5881360

    metro A fermata Vittorio di fronte al Teatro Brancaccio

Per ricevere l'email degli aggiornamenti dei contenuti dell'autore.

Categorie correlate