Imparare a scrivere a mano

16/11/2017 dalle 09:00 alle 17:00

A cura di: Arigraf - dipartimento di secienze della formazione uniroma3

Imparare a scrivere a mano La ricerca Nulla dies sine linea, del Laboratorio di Pedagogia Sperimentale dell’Università di Roma Tre, sull’esercizio quotidiano della scrittura a mano, ha coinvolto più di 380 allievi delle classi terze, quarte e quinte di due scuole elementari dell’area romana e i risultati sono stati straordinari: la pratica quotidiana della scrittura a mano ha avuto come positiva conseguenza l’acquisizione di autonomia e sicurezza, oltre che una rapida crescita della capacità linguistica e di coordinamento tra pensiero e azione.

L’Arigraf ha proposto la sua collaborazione a questa ricerca soprattutto per confermare se con il miglioramento linguistico e cognitivo sia verificabile anche un miglioramento della scrittura nei suoi assi portanti:
- lo Spazio (tenuta di rigo, organizzazione della pagina, spazi regolari tra righe e parole, ecc.) 
- la Forma (lettere personalizzate, semplificate, ecc. ) 
- il Tratto (omogeneità e flessibilità del tracciato, dinamica tra angolo e curva, ecc.)
- Movimento (automatismo che dà scorrevolezza, scomparsa degli “item infantili, ecc.) 

L’ultima positiva osservazione è che i bambini hanno accolto con curiosità e piacere l’esercizio quotidiano dello scrivere al punto di sollecitarlo quando, per qualche motivo, non veniva proposto, dimostrando ancora una volta che scrivere, come afferma Roland Barthes “..non è solo una tecnica, è anche una pratica fisica che produce gioia”.

Riconosciuti 6 crediti A.G.P.

A chi è rivolto: docenti di scuola primaria e secondaria, pedagogisti, psicologi, psicoterapeuti, grafologi, educatori del gesto grafico .
Contributo per la partecipazione al Seminario: Ingresso libero - Prenotazione vedi recapiti in calce.
Verrà rilasciato un attestato di partecipazione a coloro che ne avranno fatto richiesta al momento della prenotazione

Programma
 
9.30-10.00: Saluto della direttrice del DSF,  Lucia Chiappetta Cajola e apertura dei lavori. Introduce e modera Elena Manetti, presidente Arigraf Nazionale, Associazione Italiana di Ricerca Grafologica
 
10.00: Benedetto Vertecchi, professore Emerito Dipartimento di Scienze della Formazione Roma Tre: Educazione e simboli oltre l’effimero
 
10.30: Raffaele Ciambrone, Dirigente del Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca: L’insegnamento della scrittura: orientamenti pedagogici e spunti didattici
 
11.00: Pausa caffè
 
11.30: Cinzia Angelini, ricercatrice e professore aggregato di pedagogia sperimentale presso l’Università Roma Tre, Dipartimento di Scienze della Formazione: Dai simboli alle parole passando per le inferenze
 
12.00: Antonella Zauli Sajani, pedagogista, educatrice della scrittura, grafologa, psicologa e Specializzata in Riabilitazione DSA.: Difficoltà di scrittura tra prevenzione e una nuova didattica
 
12.30: Roberto Travaglini: ricercatore e professore aggregato di Metodologia di Ricerca Pedagogica Università di Urbino Carlo Bo, presidente Associazione Grafologi Professionisti Educare oggi al gesto scrittorio: che fine ha fatto la creatività?.
 
13.30- 14.30: Pausa Pranzo
 
14.30: Elena Manetti, Serena Baldassarre,  Caterina Cottone, Valentina D’Anna,  Adriana Perris, Loredana Soldini, Francesca Zannoni,  gruppo di Ricerca dell’Arigraf: Osservazioni tecniche-grafologiche sul gesto grafico  dei bambini di terza, quarta, quinta classe di scuola primaria ”
 
15.30. Tavola rotonda “Insegnare a scrivere a mano tra tradizione e nuova operatività ”: conduce e modera Lucia Carletti, psicopedagogista e dirigente scolastico. Partecipanti: Lucia Carletti, Iride Conficoni, Valentina D’Anna, Francesca Sabucchi, Francesca Zannoni, grafologhe,  pedagogiste, educatrici della scrittura e docenti di scuola primaria
 
16.30: Dibattito
 
17.00: Fine lavori


Luoghi

  • - Via Milazzo, 11/B - 00185 Roma
    06 57.33.96.37

    Roma Tre Dipartimento di Scienze della Formazione - Aula Volpi.

Per ricevere l'email degli aggiornamenti dei contenuti dell'autore.

Categorie correlate