"Leggere" i disegni dei bambini

Autore: Anna Zaccaria

"Leggere" i disegni dei bambini Per i bambini il disegno rappresenta  una prima possibilità di espressione, un atto mediato dalle proprie capacità percettive, un tratto grafico in cui significante e significato coincidono
 
Attraverso i disegni i bambini ci raccontano le loro emozioni, positive o negative, i loro stati d'animo il loro mondo interiore viene messo a nudo attraverso i disegni, anche i colori che vengono utilizzati hanno un loro perché.
 
Il bambini nel momento in cui fanno un disegno, ci stanno facendo dono del loro mondo interiore, dai disegni dei bambini è possibile stabilire il loro stato d’animo, se sono sereni, se hanno dei timori, quanto si sentono accolti e protetti.
 
Attraverso il disegno possiamo “leggere” la loro futura personalità che si sta via via delineando, se sono timidi introversi o al contrario esuberanti estroversi, vedere se sono in linea con le tappe del loro sviluppo cognitivo.
 
Alcuni suggerimenti per provare a “leggere” i disegni dei vostri bambini:
 
 Il Foglio   (rappresenta simbolicamente l’ambiente in cui il bambino si muove):

Quando il disegno occupa tutto il foglio: sta a significare che è socievole ed estroverso, crede nelle proprie capacità ,affronta con serenità  gli altri e  situazioni sconosciute.

Quando il disegno esce fuori dal  foglio: è piuttosto egocentrico ed è convinto che il mondo ruota attorno a lui.

Quando il disegno occupa una piccola parte del foglio: abbiamo un bambino piuttosto insicuro, sensibile, che crede poco nelle sue capacità.

Quando il disegno è nella parte superiore del foglio: il bambino in questo caso, vive in un mondo tutto suo fatto di fantasia, spesso questo accade perché intorno a lui c’è una realtà che non gli piace.
 
Quando il disegno viene realizzato nella parte inferiore del foglio: questo ci indica che ci troviamo difronte un bambino più maturo della sua età, con delle grandi potenzialità inespresse.
 
Quando il disegno è a sinistra nel foglio: il bambino ha un forte legame con la sua famiglia d’origine, ha timore del futuro e di tutto ciò che è fuori dalla sua casa.

Quando il disegno è  destra nel foglio: il bambino  è fiducioso dell’altro e nel futuro che lo attende ed è animato da una sana curiosità.
 
A tutti questi piccoli suggerimenti và dato il giusto peso, voglio dire se un bambino fa oggi un disegno con dei colori cupi o un disegno che vi mette in agitazione, non traete subito conclusioni affrettate, i disegni è vero sono test proiettivi e ci aiutano a comprendere il mondo interiore del bambino, ma è pur vero che per dare il giusto peso, i disegni debbono ripetersi simili per un periodo di almeno sei mesi.. insomma una rondine non fa primavera !!

Quindi sempre tanta attenzione ma senza esagerare e senza arrivare a conclusioni affrettate.



Vedi l'anteprima del il video corso della dott.ssa Anna Zaccaria - Attività Ludiche


Categorie correlate