La Grafologia come strumento di prevenzione in carcere

22/09/2019 dalle 14:30 alle 18:30 19/09/2019 18:00

La Grafologia come strumento di prevenzione in carcere Analisi e corrispondenze tra segni grafici e indici di comportamenti antisociali

È possibile individuare dalla grafia alcuni “segnali di rischio” che possono spingere un soggetto ad un comportamento deviante. Quando si parla di prevenzione in tema di devianza o di altri fenomeni in ambito criminologico-clinico, l’analisi della scrittura diventa un importante supporto.

L’esigenza di far conoscere la grafologia come strumento di prevenzione nasce in seguito ad un progetto di ricerca grafologica svoltosi all’interno della Casa Circondariale di Monza.

Il progetto, durato un anno e mezzo, ha previsto un’iniziale indagine e comparazione della grafia delle diverse categorie di soggetti attraverso uno studio longitudinale delle loro scritture, al fine di delineare un quadro in grado di raccogliere le caratteristiche grafologiche comuni a soggetti con comportamenti antisociali simili.

Tale progetto ha avuto la finalità di indagare la probabile correlazione tra indici grafici e tendenza al comportamento antisociale.

La grafologia si è rivelata un ottimo strumento di integrazione e prevenzione nella comparsa di recidive.


File allegati

ORGANIZZAZIONE DELL'EVENTO - INFO - PRENOTAZIONI

Luoghi

  • - Via Luigi Settembrini, 50 - 20124 Milano
    02.202.40.181 02.202.48.043 02.295.21.495

Per ricevere l'email degli aggiornamenti dei contenuti dell'autore.

Categorie correlate